venerdì 6 dicembre 2013

Il mondo saluta l’uomo della libertà, ciao Madiba!

“La libertà è una sola: le catene imposte a uno di noi pesano sulle spalle di tutti.” 

Poche ore fa il Presidente del Sudafrica, Jacob Zuma, ha annunciato in un commosso discorso televisivo alla nazione la scomparsa del suo predecessore Nelson Mandela. Zuma, che nel suo discorso si è rivolto ripetutamente a Mandela col suo popolare e affettuoso soprannome: Madiba, ha voluto ricordare l’umiltà e la grande umanità di Mandela. Appena ho appreso la notizia ho mandato un tweet scritto di getto, con emozione, un pizzico di tristezza e la voglia di omaggiare una figura eroica per il mondo intero.

La storia di Nelson Mandela mi ha appassionata fin da piccola: la lotta contro l’apartheid, i suoi 27 anni di carcere, la liberazione, la presidenza del Sudafrica, il Premio Nobel per la pace, i suoi discorsi per la libertà, il suo sorriso buono. 

Oggi sono qui, di notte, a rendere omaggio ad una figura che per me ha significato tanto, grazie a Mandela e alla sua vita ho capito l'importanza di alcuni valori, come quello della libertà. 
Ricordo quando alle elementari ci raccontarono la storia di quell’uomo imprigionato perché voleva una società in armonia senza il dominio di bianchi o di neri, una società arcobaleno fatta di speranza e di libertà garantite a tutti. Ricordo quel tema che feci quando ero ancora bambina: fu una delle prime volte in cui la scrittura divenne un momento di riflessione e grazie a quel tema mi resi conto di cosa volesse dire la parola razzismo

Oggi il mondo intero perde una figura di rara bellezza, il coraggio fatto persona, un uomo carismatico che amava sorridere e desiderava il sorriso sul viso di tutti gli uomini. La storia di Nelson Mandela farà riflettere sempre, sarà un insegnamento per tutti gli uomini e in ogni epoca. E oggi come non mai abbiamo bisogno di riflettere.



"Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l'amore, per il cuore umano, è più naturale dell'odio."
Ciao Madiba!